Il nostro organismo ci impone dei ritmi che vanno rispettati con una dieta corretta ed un buon livello di nutrizione. Le scelte da fare dovrebbero essere esclusivamente finalizzate alle reali necessità fisiologiche come è sinteticamente ricordato da un noto aforisma: “Colazione da re, pranzo da principe, cena da povero”.

Il nostro organismo è regolato naturalmente nelle sue funzioni biologiche e metaboliche dal ritmo giorno-veglia notte-sonno, o più comunemente chiamato ritmo circadiano. Ha una durata di 24 ore , nel quale partecipano le varie funzione fisiologiche del corpo umano, dove vengono naturalmente controllate secrezioni ormonali, pressione sanguinea, ritmo cardiaco e molte altre funzioni vitali, che vengono fortemente condizionate da ciò che scegliamo di mangiare e dall’ora che lo facciamo.

A conferma dell’aforisma sopra citato, degli studi scientifici hanno dimostrato un diverso comportamento nel dispendio di energie nelle 6 ore che seguono l’ingestione di un pasto, valutabile in 15,9kj/m (chilo joule al minuto)dopo colazione, 13,5kj/m dopo pranzo e 10kj/m dopo cena. Come si può notare durante le ore del mattino il dispendio energetico è molto più elevato che nel pomeriggio e nella sera, e questo dovrebbe indurci a modificare le nostre dannose abitudini alimentari, come quelle di saltare la colazione e cenare a sera tarda.

Spesso le persone saltano la colazione, pensando che questo li aiuti a perder peso. Ricerche scientifiche documentano che questo sia il modo migliore per ingrassare a causa della mancata attivazione metabolica.
Nel nostro paese al mattino si consumano prevalentemente carboidrati zuccheri e grassi che hanno come effetto un aumento rapido e vertiginoso della glicemia, e il nostro fisico come reazione produce una massiccia dose di insulina, e come effetto dopo un paio d’ore l’energia assunta grazie alla colazione è già finita e ci si ritrova con l’umore sotto i tacchi, cali di energia e agitazione. In questa situazione, di deficienza energetica, si cerca altro zucchero con il caffe delle 10, la merendina, i cracker alimentando quello che è un circolo vizioso. Bisogna imparare a rinunciare a cappuccio, brioche, biscotti e merendine a fronte di una colazione equilibrata ricca di carboidrati complessi, vitamine, sali minerali, fibre e proteine.

Lo stesso dicasi per il pranzo, che dovrebbe riuscire a fornici una buona dose di energia sino al pomeriggio inoltrato, momento in cui sarebbe consigliabile fare un piccolo spuntino così come a metà mattina, in modo da non costringere il nostro corpo ad attingere alle riserve energetiche del nostro organismo.

La cena non dovrebbe essere ricca di carboidrati, poiché interferirebbe con le nostre normali funzioni fisiologiche, riducendo il recupero muscolare e disturbando il sonno notturno.

Per desideri cambiare il proprio stile di vita, abbiamo dei prodotti che soddisfano al pieno quelle che sono le necessità fisiologiche del nostro organismo, in termini di livelli nutrizionali ed energetici, fornendo tutti i micro e macro nutrienti necessari per affrontare al meglio la giornata e per soddisfare al pieno il ritmo circadiano. Colazione equilibrata snack e pasti sostitutivi possono aiutarti ad affrontare al meglio la tua giornata e, a chi serva, controllare il peso.

By |2017-07-22T12:15:08+00:00dicembre 19th, 2014|Generale, Nutrizione|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment